“Lisca Bianca”. Palermo 2

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Il gruppo che ci ha raccontato la storia di Lisca bianca, Elio primo a destra e Nadia ultima a sinistra

Stiamo camminando, tranquilli, curiosi e un po’ emozionati. Nadia ci accompagna, ci siamo sentiti più volte al telefono ma è la prima volta che ci incontriamo. Racconta di lei, del suo lavoro, ci parla della città e della gente che ci vive, parla con semplicità e si sente subito la sua determinazione ma anche l’affetto e l’attaccamento per quello che fa e per quello che la circonda.

Arriviamo al porto e raggiungiamo il molo. Vedo i due alberi di “Lisca Bianca” e l’emozione si fa più intensa. La storia di questa barca comincia con Sergio e Licia che all’età della pensione fanno costruire questa imbarcazione per fare il giro del mondo. Una splendida avventura durata tre anni e raccontata da Sergio nel suo libro “Le isole lontane”:

“Prendemmo la decisione di preparare tutto per andare via: via dal freddo, via dalle folle rumorose, via dagli stupidi rituali della civiltà dei consumi. Verso l’estate perenne, verso le isole lontane, verso una vita più semplice e più vera. Verso il mondo”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
una copia di mappa di navigazione disegnata a mano da Sergio Albeggiani, che si trova nella sede di “Lisca Bianca”

Quando sento parole e storie come queste dentro di me si “inturbina” tutto. Sale qualcosa dal profondo, una forza potente, credo sia la mia natura selvaggia che riprende vita per farmi muovere verso quello che istintivamente identifica come forza vitale. Mi attirano le storie e le persone che sono riuscite a trasformare in realtà un sogno senza ben sapere a cosa andavano incontro. Mi attira questa forza dei sogni che riescono a trasformare le vite delle persone…è un po’ di questo che voglio scrivere.

Saliamo a bordo ed entriamo nel pozzetto. Elio ci accoglie caldamente, ci salutiamo come fossimo amici da sempre. Ci racconta la sua storia, di come, dopo il ritrovamento della barca abbandonata da trent’anni, sono riusciti grazie ad un susseguirsi di persone e intreccio di storie a volte incredibili, a trasformare ormai quello che era un relitto inservibile in una barca nuovamente pronta a solcare il mare. Ora infatti Lisca Bianca è diventata un’organizzazione no profit, “Navigare nell’inclusione” è il suo motto, e si occupa di progetti sociali, per l’inclusione appunto. Tre anni di lavoro, torna a raccontare Elio, l’allestimento di un cantiere navale per la ristrutturazione, il lavoro di restauro con i ragazzi dell’Istituto Penale per minorenni di Palermo e della Comunità di recupero di Sant’Onofrio ma anche molti altri. Dalle parole di Elio e Nadia si capisce che sono stati quasi travolti da questa avventura, assorbiti in pieno dal susseguirsi di eventi. Una storia dove lavoro e passione si sono mescolati, determinazione e fatica si sono confuse, gioie e problemi si sono alternati.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ora che Lisca Bianca è in mare, entrambi stanno lasciando spazio ad altri che continueranno a far vivere Lisca Bianca. Noi, grati per la storia che abbiamo ascoltato scendiamo a terra e riprendiamo a camminare sotto il sole di Palermo ancora con Nadia. Siamo diretti verso l’Istituto Penale Minorile “Malaspina”, andiamo a visitare “Cotti in Fragranza” un progetto di un biscottificio che Nadia e Lucia stanno portando avanti da un anno. Due ricette di un grande chef pasticcere, anche qua tanta voglia di fare e un susseguirsi di incontri e intrecci che portano alla realizzazione di “Parrapicca” (che significa “parla poco” in palermitano) e “Buonicuore” che sono i due tipi di biscotti in produzione, ma soprattutto a far diventare Cotti in Fragranza una cooperativa che opera all’interno del carcere e che offre opportunità e possibilità di inclusione sociale.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Il biscottificio all’interno del carcere minorile “Malaspina”

Mi andava di parlare delle storie di questi sogni, la storia di Sergio e Licia è un sogno realizzato, ma anche quello di Elio e “Lisca Bianca” e cosi anche “Cotti in Fragranza” per Nadia. Mi sono piaciuti, mi è piaciuto incontrare questi sogni in questa città. I sogni portano con sé una grande carica che riemerge ogni volta che ritorna il ricordo nelle parole e nei racconti. Mi andava proprio di farmi raccontare dai protagonisti queste storie di sogni, per vivere in parte questa carica, per farmi coinvolgere, per lasciarmi trasformare e ispirare da questa carica e così è stato.

Un’altra faccia di questa splendida città che è Palermo e per me anche un altro modo di conoscere, visitare e fare turismo.

Naturalmente non sono riuscito a scrivere tutto quello che si potrebbe scrivere però vi invito ad andare a visitare i link dei progetti per approfondire e conoscere meglio.

Lisca Bianca e Cotti in Fragranza sono entrambi progetti sostenuti anche da Fondazione San Zeno che sostiene “Itinerari di Crescita” e che sento vicino come spirito a questi due progetti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
I miei compagni di viaggio prima di entrare nel biscottificio di Cotti in Fragranza

 

La Postura del Nuovo Anno

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ti sei fatto dei buoni nuovi propositi per il nuovo anno?

Se non è così ti sei lasciato sfuggire una buona opportunità di avere la sensazione di aver cominciato bene.

Si proprio così perché se dicembre lo possiamo paragonare alla sera, gennaio rappresenta un nuovo inizio, il mattino.

Alla sera siamo portati a fare il resoconto della giornata, così a dicembre si fa una verifica di come è andata l’anno, un momento di introspezione a cercare in profondità il senso di quello che abbiamo fatto. Al mattino quando ci alziamo siamo portati a farci dei propositi, che nascono in modo naturale dalle riflessioni della sera prima. Questi propositi in genere mirano in alto perché generati da un impulso di farci sentire bene con noi stessi e con la nostra vita.

Così è gennaio! E’ il mattino dell’anno si sceglie e si decide un atteggiamento con cui affrontare l’anno, ed in questo senso decidiamo quindi anche la nostra postura.

Si certo, la postura perché la postura è si, come viene definita “la posizione del corpo nello spazio e la relazione spaziale tra le varie parti del corpo”, però non solo. La postura ha dei significati non solo fisici , ma anche emozionali e di atteggiamento nei confronti della vita, infatti oggi i dizionari di medicina definiscono la postura come “l’adattamento personalizzato di ogni individuo all’ambiente fisico, psichico ed emozionale”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Come sempre non siamo divisi a settori e separati a strati ma siamo un tutt’uno e questo è un bene, perché questa unità ci permette di comprendere come il nostro stato emotivo o il nostro atteggiamento mentale possa influire sulla nostra postura fisica, ma anche viceversa e quindi come la nostra postura e stato fisico possano influire sul nostro atteggiamento mentale o emotivo.

Quindi la proposta che ti faccio per questo mese di gennaio, è quella di concentrarti ogni giorno, in un momento particolare della giornata a sentire quanto la postura fisica ed energetica, cambia la relazione con il mondo che ti circonda. E soprattutto vorrei farti sperimentare come piano piano si può ritrovare un equilibrio, dentro di te, in quei momenti difficili in cui ti senti vulnerabile e debole, un equilibrio e una forza che nasce  dalla tua postura, dal tuo modo di posizionare il tuo corpo nello spazio.

Perché, quando proverai la sensazione di avere i piedi ben radicati che affondano nella madre terra a raccogliere l’energia profonda, sentirai le caviglie libere, le ginocchia ben salde, il ventre libero che esce e rientra con la respirazione, il torace aperto e non rigido in fuori, le spalle rilassate ma forti, il collo leggero, lo sguardo all’orizzonte, la parte più alta della testa protesa verso l’alto, che ti fa allungare verso il cielo a prendere quell’energia dell’infinito…allora anche il tuo atteggiamento, il tuo stato mentale, le tue emozioni saranno in equilibrio e sentirai una profonda connessione con il mondo che ti sta intorno.

Quindi per cominciare bene la tua giornata, al mattino quando ti sei alzato, posiziona i piedi paralleli alla distanza delle anche, bilancia bene il corpo al centro di ogni piede e tra i due piedi, senti bene il contatto con il pavimento, piega leggermente le ginocchia in modo morbido, rilassato, ondeggia dolcemente avanti e indietro, a destra e a sinistra, fino a trovare il centro di questo ondeggiare. Sali alle anche, muovi un po’ il bacino e comincia a sentire il respiro che ti gonfia il ventre e poi senti il ventre rientrare quando esce il respiro, sali al petto e rilassalo, alle spalle e rilassarle, senti se a questo livello ti senti aperto o chiuso, rigido o rilassato e prendi coscienza e ammorbidisci piano piano dove senti rigidità. Poi la testa, ruotala un po’ delicatamente a destra a sinistra in alto e in basso e poi posizionala bene sul collo, libera, leggera, senti che dalla sommità del capo qualcosa ti porta in alto, ti allunga verso il cielo.

Rimani rilassato, fai un respiro profondo e osservati un momento, guardati li, in piedi nella tua postura e stai qualche minuto in silenzio ad osservarti e a sentire questo tuo equilibrio ritrovato dopo la notte, questa tua postura del mattino e ricordala e ritrovala per tutto il giorno, cosi che ti possa accompagnare in ogni momento.

Fai questo ogni mattina per tutto il mese di gennaio.

Buon Anno!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Diversi ritmi

IMG_0295[1]Sono a Crus de Esprito Santo, nel Nord-est del Brasile, província di Joao Pessoa una cittá sulle rive dell’oceano.
Sono qua per giocare con i bambini e utilizzare il gioco come strumento educativo, ho anche voglia che questa esperienza possa essere un’occasione per fare e condividere alcune riflessioni con chi mi legge sul blog. Credo che il mio sia un tentativo di portare ad unitá le cose che faccio, cercando il collegamento con quanto vivo in questi giorni e quello di cui mi occupo quando sono i Italia e quindi anche la ginnastica naturale e la sua filosofia.
La prima cosa che ho sentito, quando sono arrivato in questa parte del mondo é il ritmo, il ritmo della gente, della natura, della terra. È diverso dal mio, da quello al quale sono abituato ed é ogni volta una sorpresa scoprire che ci sono ritmi diversi, perché spesso penso che tutto il mondo sia rapportato alla mia dimensione, al mio modo di vivere il tempo e gli eventi, spesso sono autocentrato e questo mi porta a pensare di essere al centro delle cose e che tutto si muove secondo quello é il mio modo di misurare…invece per fortuna non é cosí.
Il corpo lo sente prima della mente, quando cambia il ritmo. La mente é abituata ad una determinata velocitá e solamente a quella velocitá si sente efficace, il corpo invece sente altro. La mente é prepotente e continua a rimarcare il fatto che l’efficacia é una sola, é quella a cui sono solito, é quella che conosco ogni giorno, quella che nel tempo mi há sempre dato la conferma che va bene cosí. Quá il clima é caldo, 30/35 gradi, molta umiditá e per la fretta non c’é spazio e il corpo sente questo, sente che c’é bisogno di tempo per adeguarsi a questo nuovo clima, bisogna ritrovare i propri cicli, sconvolti dalle ore di viaggio, bisogna ricostruire un equilibrio e una sintonia con la natura attorno…e c’é bisogno di tempo.

I bambini della scuola. Bimbi che devono imparare a scrivere, bimbi per i quali la scuola é IMG_0320[1]un pó stretta, bimbi che con fatica stanno dietro il banco, con fatica riescono a concentrarsi, e ad apprendere. I maschietti ,in modo particolare, hanno difficoltá a rispettare le regole, a rispettare l’altro e tra maschi spesso la forza, l’aggressivitá prende il sopravvento e questo é un problema… i bambini sono cosí, risponde prima il corpo, la natura, della mente, prima l’istinto della razionalitá. Bisogna trovare il modo di portare a consapevolezza questo, avere la pazienza giusta e trovare le chiavi per inserirsi in questa dinamica.
Anche qua é una questione di ritmi. Credo che dobbiamo capire il ritmo di ogni bambino, il ritmo dei bambini, provare a sintonizzarci con questo ritmo e solamente quando questo é avvenuto provare a comunicare, con l’intento di essere un elemento di cambiamento possibilmente…oggi e in questi giorno proveró, perché questo é ció che mi aspetta, tentare di essere un elemento di cambiamento.

IMG_0319[1]

Qualcosa sta cambiando.

Ciao a tutti.

bimbi kibumba 7Questo è un post diverso dagli altri perché non parla dei soliti argomenti di ginnastica naturale…o almeno credo.

In questo post trovate il link relativo al podcast di una mia intervista a Radio Popolare Verona che ho fatto a Novembre e relativa al progetto che ho coordinato in Repubblica Democratica del Congo sui bambini-soldato.

Con questo progetto, dal titolo “War Game No More”, abbiamo utilizzato il gioco come strumento per la reintegrazione sociale di ex bambini-soldato.

Ci ho pensato un po’ prima di fare questo post perché il collegamento tra il progetto che trovate qui e la Ginnastica Naturale devo ancora trovarlo… ma sento che c’è, e credo che lo troverò… anzi se qualcuno di voi, ascoltando il podcast lo trova, me lo scriva pure.

Un altro motivo di questo post è che da un po’ di tempo penso a questo blog e al suo contenuto e sento che a volte vorrei anche andare oltre alla ginnastica naturale, magari alcune volte l’ho anche fatto. Spero quindi in questo modo, di aprire una finestra nuova che mi permetta di approfondire e scrivere anche altro.

Spero che ad alcuni di voi faccia piacere ascoltare il podcast (che comincia con un po’ di pubblicità, ma poi arrivo anch’io) ecco l’indirizzo:

http://www.radiopopolareverona.com/?q=content/la-tertulia-8-novembre-2013-ospite-nicola-rovetti

 Inserisco anche un altro link sempre relativo al progetto, sono tre articoli apparsi sulla rivista Nigrizia, le foto sono tutte mie e un’articolo è scritto da me.

http://it.scribd.com/doc/92128149/Dossier-bambini-soldato-e-La-vita-non-perde-valore-Nigrizia

a tutti un sereno 2014

Nicola

Movimento e Immobilità

alessandrini4_6

È da un po’ che rifletto su questa cosa, soprattutto da quando mi sono avvicinato alla pratica di Zhan Zhuang una pratica di Qi Gong, di cui ho scritto un post a luglio (vedi “Stare come un albero”). Parlare di immobilità, mi intriga, mi attira, per tutto quello che dentro di me muove questa parola, perché mi salgono alla mente pensieri, situazioni, eventi che nel corso della mia vita mi hanno formato, cresciuto, fatto diventare ciò che sono e nel cercare un filo conduttore di tutto questo, non è certo immobilità la prima parola a cui penso, anzi forse esattamente l’opposto e cioè movimento. Questo, sia per le passioni che ho intrapreso, sviluppato e coltivato nel tempo, sia per il tipo di lavoro che svolgo e sia per il continuo evolversi e cambiamento che mi pare di individuare nel percorso della mia vita.

Queste sono le cose che mi muove dentro questa parola immobilità. Immobilità mi pare quasi un concetto contro la vita, l’ho sempre vissuta come un concetto non negativo ma in qualche modo da evitare, da tenere lontano. Nel mio campo lavorativo movimento è sinonimo di salute, non-movimento al contrario, è sinonimo di cattive abitudini, per questo è una cosa alla quale non ho mai guardato con interesse.

Siamo fatti per muoverci, tutto l’universo è in movimento, tutto ciò che è vivo si muove, il movimento è l’espressione della vita. Per noi esseri umani muoversi è tutto, ci permette di conoscere, di condividere, di sperimentare e non saprei quale altro aggettivo usare. La condizione di non-movimento, d’immobilità, è associata solitamente a malattia o handicap.

Ancora di più se penso all’efficienza del corpo, alla forma fisica come condizione fondamentale per una vita equilibrata, alla performance, all’allenamento, sicuramente l’immobilità è una parola che difficilmente si accomuna.

Ho sempre e solo accettato, credo in modo poco consapevole comunque, l’immobilità come stato fondamentale per la meditazione, però la mia attenzione si è sempre sintonizzata con lo stato del “meditare” e non con lo “stare immobili”, perché lo stare immobile io l’ho spesso vissuto come una condizione per raggiungere qualcosa di più alto.

Ancora di più. Il movimento, o comunque quello che comunemente siamo abituati ad intendere come movimento, è quello volontario, intenzionale, diretto e comandato da una mente consapevole, che dirige le nostre azioni e la nostra vita. Esiste una zona nella nostra corteccia cerebrale che è deputata all’anticipazione del movimento, adibita a sviluppare sequenze di movimenti con obiettivo di soddisfare la nostra intenzionalità.

Per questo dico che solitamente il movimento a cui siamo abituati a far riferimento, è quello che vediamo, perché è quello che esternamente si mostra ai nostri occhi. Esiste però anche un movimento innato, automatico, istintivo, profondo se vogliamo, involontario, che non è controllato dalla nostra mente consapevole, che è condizionato da altri fattori, dal nostro stato emotivo, dal clima esterno, da ciò che ci circonda, ed altro ancora. Il sangue nel nostro corpo continua a muoversi cosi come il nostro battito cardiaco, la nostra respirazione, il movimento dei nostri organi, perfino gli alberi che sono immobili hanno un continuo movimento vitale.

Quindi con il termine immobilità possiamo dire che si può intendere come fermare il movimento possibile, che il termine immobilità in senso assoluto significa morte e questo mi fa pensare che l’immobilità allora se non è  morte è una situazione di movimento, quindi rimane la scoperta, la conoscenza, l’apprendimento, la sperimentazione. Allora significa che la pratica dello Zhan Zhuang, come alcune pratiche di yoga o le pratiche meditative in genere, portano l’attenzione, le nostre percezioni, ad un altro livello di movimento, che ci permette di diventare consapevoli di un diverso fluire della vita.

Ancora di più. L’immobilità, al pari del movimento, può nello stesso modo promuovere la vita nei suoi diversi livelli e aspetti, non solamente per quello che pensiamo possa rappresentare la parte meditativa, contemplativa della nostra vita, ma anche nella forma fisica, anche nell’allenamento di una persona proprio perché corpo e mente sono una cosa sola.

Allora come consiglio o indicazione di ginnastica naturale è quello di fermarsi, fermare il movimento ogni tanto, rimanere immobili e ascoltare ciò che succede, ma non per qualche istante, ma per qualche minuto, 3-5 anche 10 minuti e poi vedete cosa succede dentro di voi, quale movimento scoprite dentro di voi che non conoscevate. Fatelo in natura, all’aria aperta, con le gambe leggermente piegate, le mani aperte, e le braccia lungo i fianchi, lo sguardo fermo davanti a voi, rilassati più che potete, respirando naturalmente, senza forzature e state ad ascoltare.

Vi lascio con due pensieri che mi hanno colpito sull’immobilità

 “L’immobilità per me evoca grandi spazi in cui si producono movimenti che non si arrestano, movimenti che non hanno fine. È, come diceva Kant, l’irruzione immediata dell’infinito nel finito. Un ciottolo, che è un oggetto finito e immobile, mi suggerisce non solo dei movimenti, ma movimenti infiniti che, nei miei quadri, si traducono in forme simili a scintille che erompono dalla cornice come da un vulcano”

Joan Mirò

“Bastava una sola, semplice cosa: il silenzio, il non parlare portava molto più tempo per pensare. Pensare portava più tempo ad ascoltare. Ascoltare portava amore per l’immobilità, e l’immobilità era la strada per la risposta…C’è un silenzio del cielo prima del temporale, delle foreste prima che si levi il vento, del mare calmo della sera, di quelli che si amano, della nostra anima, poi c’è un silenzio che chiede soltanto di essere ascoltato.”.

Romano Battaglia. 

Stare come un albero

albero1Continuo con questo post l’argomento sugli alberi, cercando stavolta di approfondire quello che la volta scorsa ho solamente accennato e cioè quello che ritengo si possa definire l’incontro con l’albero. Dicendo così intendo sottolineare che possiamo far si che l’avvicinarsi e lo stare con un albero diventi un’esperienza, un’occasione per trasformare momenti della nostra vita.

Gli alberi possiedono un’energia che possiamo percepire quando ci avviciniamo a loro e che addirittura possono donarci, se prendiamo contatto con loro. L’energia degli alberi è sempre  positiva e possiede la forza schiarirci la mente, di rilassarci e di infondere fiducia.

C’è una pratica antichissima di abbracciare un albero che è comune agli indiani, ai tibetani, agli africani, agli aborigeni, l’albero da sempre, nei popoli, ha avuto un posto d’onore e l’immagine di un grande albero simbolicamente rappresenta la forza, la saggezza, la fertilità.

Nella tribù degli indiani Creek del Nord America, c’era l’usanza di portare i giovani bendati a sedere di fronte ad un albero, dicendo loro di toccarlo e abbracciarlo, questo per un giorno e mezzo o più. Poi venivano riportati bendati nel villaggio e tolta la benda gli veniva chiesto di ritrovare il loro albero, per alcuni era necessario toccare molti alberi, ma altri puntavano dritto senza esitazione, verso il loro albero. Quasi a rispondere ad una chiamata, ad una corrente di energia. Questa pratica serviva per favorire il contatto con la natura dei giovani e per sviluppare il loro intuito.

Naturalmente fare un’esperienza d’incontro con un albero presuppone che vi sia una preparazione e una predisposizione a questo. A volte ci vergogniamo nello sperimentare situazioni pratiche che potrebbero risultare bizzarre. Don Juan nel preparare il suo allievo Castaneda alla pratica dello sciamanesimo, lo invita a parlare con gli alberi, a parlare a voce alta, chiedendo consigli e aiuto quando è assalito dall’irritazione. Credo che chiunque di noi si sentirebbe un po’ imbarazzato se fosse colto da qualcuno a parlare ad alta voce con un albero. Però comunque sia, nell’incontro con un albero è necessario mettere da parte un po’ della nostra serietà, uscire un po’ dai nostri pensieri abituali, lasciandoci andare a quello che sentiamo .

Tra alberi sono uomini vi è molto empatia, Romano Battaglia nel libro “Foglie” dice:

“Gli alberi non tradiscono, non odiano, irradiano solo felicità e amore. Ecco perché l’uomo stando vicino agli alberi, avverte una corrente positiva e rigeneratrice.”

E ancora: Gli alberi possono riconciliarci con noi stessi e con il mondo, ma bisogna lasciarsi andare e crederci fino in fondo: solo così si avvertirà questa forza magnetica che avvolge il nostro corpo. Una forza che gli indiani d’America conoscono da sempre e che accompagna la loro vita fin dall’inizio”.

Ecco per provare questo contatto empatico con l’albero, dobbiamo avvicinarci a lui con un sentimento di rispetto e di attenzione, possiamo dapprima girare attorno all’albero quasi a cercare una porta d’entrata. Individuato il lato giusto ci avviciniamo e ci sediamo, possiamo indifferentemente sederci guardando il tronco oppure voltando le spalle.  A questo puto non dobbiamo far altro che rilassarci e respirare, possiamo osservare il nostro respiro, e notare se vi sono cambiamenti e poi possiamo fare attenzione alle nostre sensazioni, a ciò che sentiamo e come ci sentiamo, siamo ansiosi, sereni, distesi nervosi, imbarazzati, ecc. Possiamo poi cambiare la posizione e sederci a contatto con la schiena. E nuovamente osserviamo il nostro respiro e le sensazioni che proviamo. Poi quando sentiamo che è il momento possiamo lasciare l’albero ringraziandolo con un abbraccio. Sta un po’ a noi, alla nostra capacità di lasciarci andare e di entrare in contatto profondo con la pianta. Io ho sempre avuto esperienze positive, a volte anche commoventi, dove naturalmente a me viene da parlare, come avere davanti a volte un amico a volte un grande saggio. Naturalmente a volte le esperienze sono più intense altre volte meno, in ogni caso varrà sempre la pena provare in ogni caso avrete passato alcuni bei momenti in natura e nei boschi.

C’è un pratica cinese  che rientra tra gli esercizi del Qi Gong che si chiama Ding Shu Qi Gong che consiste nel meditare con l’albero con lo scopo di rigenerarsi, di ricaricarsi e anche di rilassarsi. L’albero è il contatto tra la terra e il cielo, c’è un continuo scambio di energia, le radici scambiano energia con la TERRA mentre le fronde scambiano energia con il CIELO. Connettersi con gli alberi attraverso la meditazione permette di entrare in contatto con queste energie e beneficiarne.

01---MeditazioneAlbero-1

02---MeditazioneAlbero-1

Una cosa che ho scoperto da poco e che sto sperimentando ogni giorno, è la pratica cinese chiamata Zhan Zhuang che letteralmente significa “Stare come un Albero”, detta anche la “Postura dell’Albero”. Tale pratica consiste nell’assumere una postura specifica e mantenerla per almeno 10 minuti. Vi sono diverse posture che possono essere eseguite e la pratica quotidiana fortifica il corpo e allenta le tensioni muscolari.

Vi do la descrizione di una delle posture di base così da sperimentare per conto vostro.

zhanzhuang

I piedi sono tenuti ad una larghezza che sta tra quella delle anche e quella delle spalle. Le ginocchia sono leggermente piegate non troppo però. Il bacino è libero, non è bloccato, mentre la schiena è normalmente eretta e distesa. Le spalle sono abbassate, le braccia piegate lievemente a livello dei gomiti e del polsi, nella posizione come di abbracciare una grossa palla. Le mani sono davanti a noi, all’altezza del torace con i palmi rivolti al petto e le dita ne serrate e ne troppo aperte. Dovete pensare anche che

la vostra sommità del capo tende verso il cielo, mentre i piedi sono nella terra. Il corpo è rilassato, il respiro è naturale e lento e siete assolutamente immobili.

Provatelo è molto bello e vi gioverà!

Ultima cosa che ho trovato e che mi pare interessante da condividere con è questa serie di diapositive che trovate qui sotto, cliccate per andare a vanti e leggete, è breve ma istruttivo..

Attività Fisica

L’articolo di oggi è un po’ scientifico, volevo parlarvi dei criteri di quantificazione dell’attività fisica e la prima cosa da capire sono le motivazioni che ci portano a quantificare l’attività fisica.

Il mondo scientifico, oggi riconosce all’attività fisica un valore importante per il miglioramento della salute delle persone e come strumento di prevenzione di malattie. La bibliografia è ricca di evidenze scientifiche in merito, ed è largamente riconosciuto l’effetto del movimento e dello sport sulla qualità di vita delle persone. Da questo nasce la necessità di misurare la quantità di attività svolta, per capire qual è la soglia di utilità della stessa.

Credo che a tutti voi che mi seguite nell’attività pratica (meno gli ultimi arrivati), ho consegnato un questionario all’inizio, dove vi veniva richiesto di indicare quanta attività che avete fatto durante la settimana precedente. Il questionario che ho utilizzato è il Questionario Internazionale sull’Attività Fisica (IPAQ), che è riconosciuto e validato a livello internazionale e serve per indagare il livello di attività fisica di una persona.

I livelli identificati sono 3: lieve; moderato; intenso.

La differenziazione tra un livello e l’altro dipende da tre parametri: la frequenza, che è il numero di momenti settimanali durante i quali pratichiamo attività; l’intensità, quindi il tipo di sforzo che noi eseguiamo; la durata, cioè il tempo dedicato per ogni momento di attività fisica che svolgiamo. Questi, sono i parametri e i concetti, che avete trovato nel questionario.

Per definire la quantità di attività, viene utilizzato un indicatore specifico che è il MET, (equivalente metabolico, dall’inglese Metabolic EquivalenT). Il MET è un indicatore di spesa energetica di una qualsiasi attività od esercizio fisico.  Di fatto è importante sapere che l’unità, 1 MET,  è rappresentata dalla quantità di ossigeno consumata dall’organismo in un minuto in condizioni di riposo assoluto. Non vi spiego oltre perché ci addentriamo in aspetti legati alla fisiologia, che forse poco ci interessano. Credo invece, che sia interessante, capire qual è la spesa energetica di un’attività secondo questo indicatore. 

Di seguito trovate riportate delle tabelle pubblicate dall’American College of Sports Medicine sui costi energetici delle attività.

Costo energetico di alcune delle principali attività comuni in MET

Attività

MET

Lavori di casa leggeri (spazzare, stirare, spolverare)

2-4

Lavori di casa pesanti (rifare i letti, strofinare i pavimenti)

3-6

Lavori di manutenzione della casa (pitturare, misurare)

3-8

Giardinaggio

3-8

Falciare l’erba del prato

4-5

Lavori di falegnameria

2-7

Trapanare

2-3

Spaccare e tagliare la legna

4-10

Spalare la neve

6-12

Camminare in piano

3-5

Salire le scale

3-8

Scendere le scale

4-5

Costo energetico di alcune delle principali attività sportive in MET

Attività sportiva

MET

Attività sportiva

MET

Pesca

4-5

Equitazione

3-8

Caccia

3-7

Pallavolo

3-6

Golf

2-6

Pallacanestro

3-10

Danza

3-7

Tennis

4-9

Bowling

2-4

Sci alpino

5-8

Tiro con l’arco

3-4

Alpinismo

5-10

Ping-pong

3-5

Pattinaggio

5-8

Vela

2-5

Calcio

5-12

Escursionismo

3-7

Nuoto

4-8

Canottaggio

3-8

Attività subacquea

5-10

Ciclismo

3-8

Corsa

7-15

Squash

8-12

Per ogni minuto di attività, di cui sopra, una persona consuma il numero di MET indicati in tabella.  Ad esempio, nella camminata viene indicato un costo energetico di 3-5 MET al minuto (3 camminata normale, 4 moderata, 5 camminata intensa) quindi se una persona cammina per 60 minuti, consuma 180/300 MET.

 Le attività lievi sono le attività che sono al di sotto dei 3 MET, le attività moderate vanno dai 3 ai 6 MET, le attività intense sono sopra i 6 MET.

A questo punto è interessante sapere, che una persona viene considerata sedentaria quando consuma circa poco meno di 400 MET a settimana, mentre per essere considerata attiva deve arrivare a consumare almeno 600 MET a settimana. Si considera che una persona svolge un’attività fisica moderata, quando consuma tra i 600 e 1500 MET a settimana, oltre ai 1500 invece stanno le persone che svolgono attività fisica intensa.

Ritengo interessante e anche divertente, fare calcoli del costo energetico e capire quanta attività svolgiamo durante il giorno. Credo che anche per voi lo sia, ricordo che molti, quando mi hanno consegnato il questionario, si erano sorpresi della quantità di ore che rimanevano seduti durante una giornata, sono elementi di consapevolezza che a volte ci spingono a fare dei cambiamenti per migliorare la nostra vita.

Questo approccio, valorizza l’attività fisica come pratica importante per gli aspetti della salute del corpo.

Nell’impostazione della proposta di ginnastica naturale, è fondamentale l’aspetto di cura di sé e della propria salute. Altrettanto fondamentale però, per me, è che il movimento e l’attività fisica diventino un’”esperienza” globale per la persona. Ritengo che il movimento possa essere un’occasione di contatto con se stessi, con le parti profonde di sé e del proprio corpo, finalizzato proprio alla conoscenza. Per questo privilegio la natura, come luogo dove fare attività, perché credo che sia il contesto più adeguato, dove attingere conoscenze e dove poter fare esperienze che migliorino la qualità della nostra vita.

In allegato trovate un file, che illustra l’attività fisica consigliata durante la settimana…fateci un pensierino e poi magari ne parliamo. Naturalmente ora che il ghiaccio è stato rotto continuate con i commenti.

 piramide attività fisica

Grounding

Ecco, come dicevo, oggi parlo del “grounding”, un termine inglese tradotto in italiano con la parola radicamento.

Mi piace questa parola perché è molto…“terra”… e credo che come termine e come concetto sia molto in sintonia con l’idea della ginnastica naturale.

Il grounding è un termine utilizzato in bioenergetica, terapia ad orientamento corporeo che oltre al lavoro di verbalizzazione associa un lavoro fatto di esercizi e posizioni. Oltre alla terapia definita analisi bioenergetica, vi sono anche le cosiddette classi di bioenergetica, gruppi di persone che praticano esercizi guidati da un terapeuta, con finalità di ridurre lo stress ed entrare maggiormente in contato con il proprio corpo.

Il grounding è uno dei primi obiettivi della bioenergetica e vi sono esercizi specifici che servono proprio a migliorare il nostro grounding, il nostro quindi radicamento.

L’esercizio di grounding si esegue tenendo i piedi alla larghezza del bacino, le ginocchia leggermente piegate, i piedi paralleli con le punte leggermente in dentro. Il tronco è flesso in avanti e le mani toccano terra con i polpastrelli. Il peso del corpo sta nella parte anteriore del piede, però il tallone non si alza. Le mani non sorreggono il peso, sono solamente a contatto con la terra attraverso i polpastrelli. Il capo è in basso, molto morbido e rilassato. Da questa posizione si piegano leggermente le ginocchia e si raddrizzano, seguendo il ritmo della respirazione: inspiro e piego leggermente le gambe, espiro e ritorno a distenderle leggermente. È importante non raddrizzare mai completamente le gambe, perché altrimenti l’energia non scorre libera nel corpo.

Durante l’esecuzione dell’esercizio potremmo ad un certo punto avvertire che le nostre gambe vibrano, ma non dobbiamo prendere paura, semplicemente i nostri muscoli sono stanchi, perché messi sotto stress e la vibrazione è la risposta che danno. Possiamo continuare per un pochino e poi pian piano ci alziamo e, sempre respirando e con gli occhi aperti, ci concediamo un momento per ascoltarci, il nostro respiro, i nostri occhi, le nostre spalle e così tutto il corpo.

Nei nostri incontri l’abbiamo fatto qualche volta, e a me piace questo esercizio, fatto fuori, all’aperto, mi pare che abbia un effetto e un valore diverso. Nella posizione di grounding i piedi e le gambe hanno un contatto di scambio con la terra, prendono energia, e scaricano le tensioni, ci si sente quindi sostenuti. Il nostro corpo, si appropria di una postura solida e radicata nella propria interiorità e nella terra.

Questo radicamento permette di percepire una maggiore unità tra corpo e mente e un’integrazione tra realtà interna e realtà esterna. Generalmente il nostro respiro si abbassa nella pancia, gli occhi sono più aperti, ci sentiamo più morbidi e leggeri…è un esercizio che fa bene al nostro corpo e al nostro cuore

Scrivendo questo articolo mi è venuto un pensiero che a volte durante il giorno faccio e che vi scrivo.  Spesso durante le nostre giornate non siamo mai direttamente a contatto con la terra, siamo sempre su un pavimento artificiale, asfalto, piastrelle, linoleum, ecc. e spesso è quasi sempre in piano. Ogni volta mi meraviglio di questo, rimango sbalordito della quantità di tempo che passo su un terreno artificiale, senza toccare erba terra sassi, camminando sempre in piano. E mi chiedo se questa mancanza di “contatto” abbia qualche influenza su di me…e voi cosa ne pensate?

Vi allego un articolo che approfondisce un po’ il tema della bioenergetica, trovato su  www.biosofia.it

via_contro_stress

La postura

Ieri nel gruppo è uscito il termine postura, molte volte ne abbiamo parlato, in modo particolare richiamando l’attenzione alla postura durante l’esecuzione degli esercizi.

Essere attenti alla postura, significa prevenire fastidiose tensioni, in modo particolare alla schiena, dovute a posizioni poco adeguate, poco corrette.

Credo che molti di noi abbiano in testa l’idea che la posizione corretta è “stare dritti con la schiena”, in realtà quando parliamo di postura le cose sono molto più complesse della “schiena dritta”.

Non voglio approfondire aspetti biomeccanici o clinici della postura, ci sono professionisti (posturologi) e pubblicazioni che trattano questa materia (posturologia), possiamo dire che la postura, in linea generale, è intesa come la posizione del corpo nello spazio, determinata dai rapporti reciproci tra i vari segmenti corporei.

Io però volevo soffermarmi su alcuni aspetti, che credo siano lasciati a volte troppo in disparte.

Spesso pensiamo a questo termine come un qualcosa di statico e rigido  (pensiamo a quando da piccoli ci veniva detto “schiena dritta!”). Invece il concetto di postura deve essere inteso come qualcosa di dinamico, sempre in evoluzione, come un continuo passaggio da una posizione all’altra e via di seguito, sempre alla ricerca di un equilibrio.

Un altro aspetto riguarda invece la presa di coscienza che non vi è solo la componente biomeccanica o di rapporto spaziale. A determinare la postura, contribuisce la nostra motivazione, il senso che diamo nell’esecuzione del movimento, la modalità di esecuzione. Cerco di spiegarmi meglio. Tempo indietro, se vi ricordate, chiedevo la differenza tra la passeggiata e la camminata, bene, quest’ultima richiede un certo atteggiamento, una motivazione, un senso che è completamente diverso da quello di una  passeggiata…ecco anche questo è postura. Esasperando questo concetto, nel tentativo di farvi cogliere anche altre sfumature, quando due persone, due avversari, si affrontano sul ring, in quel momento la loro motivazione, il senso che loro danno ad essere li, determina la loro postura e sicuramente l’avversario ne “avverte” l’intensità e questo, può giocare un ruolo fondamentale nell’esito dell’incontro.

Quindi, quando ci muoviamo, è importante la nostra motivazione, l’atteggiamento che teniamo, il senso che diamo ai movimenti che eseguiamo e questo sempre, quando camminiamo, quando corriamo, ecc.

È importante questa consapevolezza, perché non solo possiamo aumentare le nostre prestazioni, ma diventiamo, con naturalezza, più capaci di sentire, se la nostra postura è corretta. Lo sentiamo dentro di noi, se ci sentiamo bene, se sentiamo che ci stiamo muovendo esteticamente bene e in qualche modo siamo soddisfatti di noi, allora probabilmente siamo sulla strada della “postura corretta”.

Mi piace pensare, che la ginnastica naturale possa essere un’occasione di ritrovare competenze che “naturalmente” fanno parte di noi, che sono dentro di noi, delle quali dobbiamo solo riprenderne possesso. Quindi, noi per primi, dobbiamo “sentire” se la nostra postura è corretta…gli “esperti” ci possono solamente aiutare.